Bilanci di Missione della Fondazione


 La “Fondazione di Partecipazione StefyLandia” opera a livello nazionale.


Bilancio di Missione anno 2019

Bilancio di Missione anno 2018

Bilancio di Missione anno 2017

Bilancio di Missione anno 2016

Bilancio di Missione anno 2015

prologo ante costituzione… anni 2014-2013-2012


Per visionare lo Statuto della Fondazione, clicca qui


Non Solo Mamma… quando la spinta del cuore si unisce alla forza della determinazione…

“Fondazione StefyLandia” è ispirata dal percorso di vita della nostra Presidente mamma Liliana con e per suo figlio Stefano nato prematuro nel 1985 dolce ispiratore della Fondazione e del suo nome.

“Fondazione di Partecipazione StefyLandia” – costituitasi il 20 aprile 2015 – può essere definita, in sintesi, l’essenza di un’espressione culturale di “empowerment familiare / sociale” finalizzata a proporre nuove forme nel prendersi cura delle persone e a favorire la realizzazione di luoghi inclusivi che contribuiscono al benessere di tutta la Comunità.

La “Fondazione” è l’ unico strumento giuridico esistente immutabile nel tempo che possa garantire l’eternalizzazione degli scopi statutari stabiliti dai suoi “padri costituenti” nelle tavole fondative e opera sotto la stretta vigilanza dell’ATS  e con il controllo della Regione su espressa delega dello Stato.

“Fondazione StefyLandia” può pertanto assicurare il delicato affiancamento alla  persona con disabilità, fragilità, vulnerabilità, sola e/o anziana (suoi familiari e/o referenti giuridici) nel suo “Progetto di Vita Personalizzato”, per l’intero arco della sua esistenza, ovunque essa viva (domicilio, co-housing, strutture/RSA), in qualsiasi condizione di salute psico-fisica (anche con bisogni complessi), di ogni età (dal bambino all’anziano), assumendo un  essenziale  ruolo di “cabina di regia”,  in  stretta collaborazione con i servizi pubblici e privati, favorendo l’armonizzazione di tutti i soggetti coinvolti nella sua vita, in ogni ambito e a vario titolo, conoscendola a 360°, divenendo custode della storia di vita personale e quale  prolungamento nel tempo dell’amorevole sguardo genitoriale/familiare, anche nell’ottica del “Durante e Dopo di Noi”.

E per ogni persona della Comunità anche in vista del naturale invecchiamento.